Al di là dell'Olimpo : Macedoni e grandi santuari della by Manuela Mari

By Manuela Mari

Show description

Read or Download Al di là dell'Olimpo : Macedoni e grandi santuari della Grecia dall'età arcaica al primo ellenismo (Meletemata No. 34) PDF

Best italian books

Il pane selvaggio

Sullo sfondo di una società povera e stracciata, flagellata da morbi
scuri e inquietanti, dominata dai tetri simboli del lazzaretto, del-
pspedale, dell'ospizio, balza sulla scena una folla «unta», piagata, in­
grata, tignosa, ossessionata da demoni, da folletti, da spettri, tenoriz-
ata da vermi, lombrichi e da altri sordidi e allarmanti «animacula»,
diabolicamente e perfidamente possessivi. In questo quadro folto
di oscuri «segnali» l’esorcista e l'aromatario s'impongono come «assi-
ienti» magico-culturali, primari punti di riferimento d ’un mondo vamp
iresco nel quale non solo gli amuleti e i talismani ma il grasso ed il
sangue umano erano universalmente accettali dalla farmacopea popo-
olare e dalla medicina colta. Fra le idee-forza del libro - che esce
ora in questa nuova versione, completamente «rivisitata» e rivista ed
arricchita di parti inedite - è che l. a. società preindustiiale viveva in
uno stato di allucinazione pressoché continua. Fosse l. a. reputation (la più
normale» e diffusa delle droghe) con le sue carenze fisiologiche advert
innescare il processo di perdita e d ’alterazione della realtà, o l. a. cattiva
alimentazione in cui ai cereali si mescolavano erbe malefiche ed alluci-
ogene, o l’uso universale dell’oppio (somministrato anche agli infanti)
, oppure los angeles ricerca, attraverso le erbe, di sogni non paurosi e d'in-
contaminate riserve fantastiche, inseguite con tecniche oniropoietiche
stregonesche, il mondo «moderno» offre los angeles sconcertante immagine di
un immenso laboratorio di sogni.

Extra info for Al di là dell'Olimpo : Macedoni e grandi santuari della Grecia dall'età arcaica al primo ellenismo (Meletemata No. 34)

Sample text

BICKERMANN-SYKUTRIS 1928, 26-9; Lettera (Epist. Soci: 28) vd. infra, l 15-8. ; HUTTNER 1997, 74 e n. 3 DURANTE E DOPO LE GUERRE GRECO-PERSIANE 39 riferimento contenuto nella Lettera di Filippo). W. Cole, secondo cui qui Demostene altera una tradizione su reali ο possibili servigi arrecati ad Atene da Perdicca II durante la guerra del Peloponneso per non dover ammettere che un re macedone fosse stato benefattore della sua città1. Questo presuppone però un intervento di Demostene assai più massiccio di quello che si ammette pensando al semplice lapsus sul nome del re: e il risultato è oltretutto quello, ancora più grave dal punto di vista di Demostene, di fare di un re macedone un benefattore della Grecia intera.

5. Per la tesi di BADIAN 1982 vd. p. 33: la mediazione a favore dei μηδίζοντες (anche) nei grandi santuari ha nello statista un intento antispartano, come l'episodio della fallita epurazione dell'anfìzionia mostra chiaramente (45 n. 9). Dell'accusa di medismo che pose line a tale politica di Temistocle riferiscono, com'è noto, Thuc. , Them. 22-23. 6. Per un'altra notizia preziosa e isolata di Solino su re macedoni e santuari panellenici cfr. pp. 49 ss.

Gli anni che, come vedremo, vengono in gioco per la venuta del macedone a Olimpia). Poco plausibile appare la tesi di Dascalakis, secondo cui il successo di Alessandro non fu registrato perché tale onore era riservato a chi ottenesse «a series of victories in a number of events»J. Quanto al senso specifico dell'ambigua espressione erodotea, prevale tra gli studiosi l'idea che essa si riferisca a un ex-aeepto, risolto da uno spareggio sfavorevole ad Alessandro . N. Borza, è che il macedone abbia ottenuto il successo in una gara organizzata appositamente per lui, dunque non competitiva: ipotesi che però non è suffragata dal testo erodoteo, e sembra anzi contraddetta dal particolare delle vivaci proteste degli altri competitori3.

Download PDF sample

Rated 4.39 of 5 – based on 49 votes